Speciale

Steam Machine: il gaming tra PC e Console

“Tanto tempo fa” il gaming era esclusivamente riservato alle console che, per quel periodo, avevano prestazioni grafiche ben superiori ad un Desktop PC ed inoltre vantavano dimensioni ridotte rispetto a questi ultimi. Fino agli esordi della scorsa generazione con Xbox360 e PlayStation3, la situazione era più o meno invariata: i PC erano grossi, ingombranti e molto costosi; le console, piccole, economiche e potentiMa lo sviluppo tecnologico continuava la sua impennata e sia NVIDIA che AMD continuavano a presentare nuove schede video sempre più potenti anno dopo anno. Al tutto si accompagnano i processori Intel ed AMD sempre più sofisticati e potenti.

In breve, il PC Desktop, così come lo conosciamo, si è trasformato da un semplice dispositivo da ufficio ad un sofisticato strumento di intrattenimentoOggi cambia tutto, di nuovo. Ecco a voi le Steam Machine! Presentate ufficialmente al CES 2014, le Steam Machine sono il trend del momento, piccole e potenti, queste macchine, poco dopo il loro annuncio, hanno fatto il giro nel web suscitando l’interesse praticamente di tutti, anche se alcune persone rimangono al momento un pò diffidenti.

Ma cosa sono esattamente le Steam Machine?

La risposta è: dei Mini-PC da gaming ad alte prestazioni gestite dal nuovissimo sistema operativo SteamOS.

Ce ne sono di tutti i gusti: piccole, grandi, colorate, compatte, e chi più ne ha più ne metta! E fino ad ora ne sono stati annunciati “solo” 14 modelli!

Le Steam Machine potrebbero rappresentare il giusto compromesso per chi non vuole comprare una console Next-Gen e per chi non vuole “ingombrare” la propria stanza con un Desktop PC (anche se le alternative Mini-ATX già esistono da un po’ di tempo).

In questo articolo andremo ad analizzare questi nuovi dispositivi nel dettaglio, daremo uno sguardo veloce a SteamOS e concluderemo il tutto con alcuni pareri sul futuro sviluppo di queste “macchine”!


C’è una Steam Machine per tutti, per chi ha più budget e per chi ne ha meno. I costi di queste “macchine”, infatti, variano incredibilmente tanto a seconda delle caratteristiche.

In questa parte del nostro articolo andremo ad analizzare ognuno dei dispositivi rilasciando una “scheda tecnica” quanto più dettagliata possibile a seconda delle informazioni fino ad ora rese note.

ALIENWARE

Questa Steam Machine è tra le più eleganti. Piccola e compatta con un design tipico dei dispositivi Alienware.

La casa non ha ancora fornito molte informazioni al riguardo.

  • CPU: Intel
  • Scheda Video: Nvidia
  • Prezzo: “Competitivi rispetto alle attuali console”
  • Data di rilascio: 2014.

ALTERNATE

Dal design anonimo, solido, compatto e dal prezzo discutibile, Alternate presenta la sua Steam Machine composta da:

  • CPU: Intel i5-4570
  • Scheda Video: Gigabyte GTX 760
  • RAM: 16GB DDR3
  • Archiviazione: 1 TB SSHD
  • Prezzo: 1339$

CYBERPOWER PC

Immancabile in questo campo, Cyberpower PC, che da sempre propone al mondo una vasta selezione di PC assemblati e personalizzati. Tra tutte, questa Steam Machine, è sicuramente una delle più accattivanti.

  • CPU: AMD A6 6400K o Intel i3-4330
  • Scheda Video: AMD R9 270 o Nvidia GTX 760
  • RAM: 8 GB DDR3
  • Archiviazione: 500 GB
  • Prezzo: da 499$ in su.

DIGITAL STORM – BOLT II

Tra le Steam Machine, il Bolt II di Digital Storm, anch’essa nota per le stesse ragioni di Cyberpower PC, è forse quello più lontano dall’essere una Steam Machine visto le dimensioni più voluminose (anche se comunque molto ridotte). Il Bolt II è maestoso ed ha sia Steam Os che Windows in dual Boot.

  • CPU: intel i7 4770K
  • Scheda Video: NVIDIA GTX 780 Ti (Nostra review)
  • RAM: 16GB DDR3
  • Raffreddamento: 240mm Radiator Liquid CPU Cooler
  • Archiviazione: 1 TB HDD + 120GB SSD
  • Prezzo: 2,584$

 GIGABYTE BRIX PRO

Anche Gigabyte ci prova con il suo “mattone”.

Design cubico, compatto e di dimensioni davvero ridotte a scapito però della potenza grafica del dispositivo.

  • CPU: Intel i7-4770R
  • Grafica: Intel Iris Pro 5200
  • RAM: 2 x 4GB DDR3
  • Archiviazione: 1 TB SATA 6 Gb/s
  • Prezzo: Non dichiarato

FALCON NORTHWEST TIKI

Falcon, invece, ripropone il suo Tiki in versione Steam.
Come potete ben notare dalla foto, si tratta di un modello con grafica personalizzata a tema Steam OS.
Simile al Bolt-II come dimensioni, il Tiki è molto potente e personalizzabile.

  • CPU: Personalizzabile
  • Scheda Video: NVIDIA GTX TITAN
  • RAM: 8 o 16GB DDR3
  • Archiviazione: Fino a 6TB
  • Prezzo: Da 1799$ a 6000$

iBUYPOWER

L’azienda, nota per i suoi PC assemblati, propone una delle più eleganti Steam Machine di sempre. Quando si pensa ai nuovi dispositivi valve, la macchina di iBuyPower è la prima che viene in mente.

  • CPU: Quad Core AMD o Intel
  • Scheda Video: AMD (basata su architettura GCN)
  • RAM: 8GB DDR3
  • Archiviazione: 500GB
  • Prezzo: Da 499$ a salire.

MATERIAL.NET

La Steam Machine di Material, non si distingue molto da quella di Alternate. Le differenze tra i due dispositivi stanno proprio nell’hardware con cui vengono proposte.

  • CPU: Intel i5-4440
  • Scheda Video: MSI GTX 760 OC
  • RAM: 8GB DDR3
  • Archiviazione: 8 GB + 1 TB SSHD
  • Prezzo: 1,098$

ORIGIN PC – CHRONOS

Origin PC offre una soluzione completamente personalizzabile e disponibile in due modelli diversi. Tra tutte, sicuramente una delle più performanti. Anche qui, Dual Boot Windows Steam Os.

  • CPU: intel i7 4770K
  • Scheda Video: Fino a 2 GTX TITAN in SLI
  • RAM: Fino a 32GB DDR3 a 2133MHz
  • Archiviazione: Fino a 14 TB
  • Prezzo: Variabile a seconda della configurazione scelta.

NEXT

Una sorpresa del CES 2014 è stata sicuramente la Steam Machine di Next SPA. Seppur non diversa dalle altre, questa, almeno, proviene da una ditta italiana!

  • CPU: Intel i5
  • RAM: 8GB DDR3
  • Scheda Video: NVIDIA GTX 760
  • Archiviazione: 1TB
  • Prezzo: Non dichiarato

SCAN – NC10

Questo è di certo uno dei dispositivi più curiosi tra le Steam Machine. Sembra un piccolo HDD Esterno, ma è in realtà un piccolo PC da gioco. A differenza di tutti, questa piccola macchina utilizza dei componenti da notebook.

  • CPU: Intel i3-4000M
  • Scheda Video: NVIDIA GTX 765M
  • RAM 8GB DDR3
  • Archiviazione: 500GB
  • Prezzo: 1,090$

WEBHALLEN

La Steam Machine di Webhallen invece si distingue dalle altre. Il suo design semplice e pulito può ospitare componenti hardware di fascia alta.

  • CPU: intel i7 4771
  • Scheda Video: Nvidia GTX 780
  • RAM 16GB
  • Archiviazione: 1TB SSHD
  • Prezzo: 1,499$

ZOTAC – ZBOX

Per finire, immancabile anche Zotac, che propone la sua Zbox.

Trattasi anche qui di un Mini-PC per il gaming ma di cui purtroppo si sa ancora poco se non che vedrà luce nella seconda metà del 2014.

  • CPU: Intel Core.
  • Scheda Video: NVIDIA.
  • RAM: Non dichiarato
  • Archiviazione: Non dichiarato
  • Prezzo: 499$

Passiamo invece a SteamOS, il sistema operativo su cui girano questi dispositivi.

SteamOS è un sistema operativo che si basa sul famoso Debian (linux) ed è stato creato da valve destinandolo esclusivamente ai giochi per la propria piattaforma.

Da tempo ormai, molti sviluppatori indie si sono mostrati interessati allo sviluppo su questa piattaforma, e sempre più organizzazioni, vedi Humble Bundle, continuano a spingere sul gaming su Linux.

Su SteamOS si può navigare sul web, utilizzando il proprio controller grazie ad un ingegnoso tastierino virtuale appositamente creato, gestire il proprio profilo Steam e sfogliare la propria libreria giochi.

Il tutto è molto simile alla modalità Big Picture attualmente implementata alla piattaforma disponibile anche su Windows.

Ma proprio sui giochi, che dovrebbero essere il cuore del sistema operativo, dove va fatto un doveroso appunto.

Come abbiamo spiegato, il tutto si muove su base Linux e non tutti i giochi supportano quest’ultimo. Anzi, si può dire senza grossi dubbi che solo una piccolissima parte dei giochi presenti su steam supportano Linux.

Dunque, installare adesso SteamOS sul proprio PC soprattutto se si vuole giocare ai best-seller, potrebbe non essere il massimo e si rischia di rimanerne delusi.
Sempre se il proprio PC supporti tale sistema operativo.

Come se non bastasse, infatti, le specifiche tecniche per installarlo sul proprio PC sono abbastanza restrittive. Il dispositivo su cui vogliamo installare SteamOS dovrà avere un processore a 64bit, 4GB di RAM, una GPU NVIDIA (sì perché il supporto ad AMD o ad Intel non è ancora pronto) e, tenetevi forte, 500GB di HDD liberi.

SteamOS dividerà questi 500 GB in 5 partizioni per un totale di quasi 35 GB per il solo sistema operativo. Come riempire lo spazio restante, ovviamente, sta tutto all’utente.

Viste le circostanze incerte, riuscirà SteamOS a diventare il principale Sistema Operativo allontanando gradualmente gli utenti dall’ambiente Windows?

Da Mouse e Tastiera a controller con trackpad… ecco il controller Steam.

Uno degli aspetti che ha destato l’interesse di molti è proprio quello del doppio trackpad che si sostituisce alle classiche levette analogiche presenti nei controller delle attuali console.

“La caratteristica più notevole del controller Steam sono i suoi due trackpad circolari. Azionati dai pollici del giocatore, hanno entrambi un trackpad ad alta risoluzione alla base e possono anche essere premuti, trasformando l’intera superficie in un pulsante. I trackpad permettono una fedeltà dell’input di molto superiore a quella raggiunta dai controller tradizionali. I giocatori di Steam, abituati all’input associato al PC, noteranno che la risoluzione del Controller Steam è simile a quella di un mouse da desktop.”Valve.

Lo Steam Controller è stato definito da molti come una creatura aliena ma al contempo affascinante. Questo sarà completamente personalizzabile e l’utente potrà impostare i tasti come meglio crede.

Purtroppo Kingdomgame.it non ha potuto mettere le mani sul nuovo controller di valve, ma possiamo comunque ricavare preziose informazioni da chi ha provato il controller.

Grazie alla tecnologia aptica, che utilizza due attuatori risonanti lineari, applicata al controller, sono tutti d’accordo nel dire che il feedback che si riceve utilizzandolo è qualcosa di eccezionale.

Ciò che può sconfortare, sono le esperienze come quella di Marty Sliva di IGN. Quest’ultimo, ha potuto provare con mano il nuovo controller di Valve, ma benché fosse molto entusiasta e fiducioso per il progetto, non ha potuto fare a meno di esprimere le sue frustrazioni e le sue perplessità nell’utilizzo del controller.

“Giocando a Portal mi sono sentito come un bambino impacciato. Fissavo il terreno, correvo in tondo e non riuscivo a capire come interagire con l’ambiente circostante.
Onestamente, nessun altro sistema di controllo mi aveva lasciato inizialmente tanto perplesso. Poi, però, mi sono subito adattato al lato destro del controller e muovere il pollice sul trackpad di destra mi ha restituito subito la giusta quantità di feedback tattile. Dopo poco tempo, ero in grado di osservare il mondo con estrema facilità.”

Tuttavia Marty non è riuscito ad abituarsi invece al trackpad sinistro ed i movimenti nei giochi continuavano ad avere tratti frustranti. “La stessa cosa continuava a succedere su giochi come Trine 2. “Perché non sto utilizzando un controller del 360 o un mouse con tastiera?” – Commenta sempre Marty di IGN – “Non riesco a comprendere il motivo per cui utilizzare lo Steam Controller per giocare sparatutto, platform, puzzle o anche giochi di strategia. Allora, mi domando ancora una volta: a chi è dedicato questo controller, e a cosa serve?”

Tuttavia, la sua esperienza, seppur negativa, si conclude elogiando Valve per l’incredibile lavoro svolto negli ultimi anni, e con una massiccia dose di fiducia sullo sviluppo del controller grazie all’altrettanto robusta community a cui Valve fa molto rifermento.

Senza considerare poi, che il controller provato dai giornalisti durante il CES 2014 era soltanto un prototipo ancora in sviluppo e senza una delle sue caratteristiche più interessanti: il display touch ad alta risoluzione.

Sì, perché come se il controller Steam non fosse già innovativo di suo, l’aggiunta di uno schermo touch al centro del controller apre un intero universo di possibilità.

“Se viene programmato da sviluppatori di giochi tramite la nostra API, lo schermo tattile può funzionare da menu a scorrimento, da selettore a disco, fornire informazioni secondarie quali le mappe o utilizzare altre modalità di input personalizzate che ci verranno in mente strada facendo.” -Valve

I programmatori potranno essere liberi di personalizzare quell’area come vorranno, e per non distrarre il giocatore dallo schermo principale, il minischermo touch dispone di una funzione che, una volta toccato, lo proietta sul nostro televisore.

Un Controller senza dubbio ambizioso. Ma sarà in grado di convincere i giocatori più hard-core abituati a tastiera e mouse o alle alternative proproste dalle attuali console?


Dopo la loro presentazione al CES 2014, le Steam Machine sono praticamente sotto lo sguardo di tutti, dai casual gamer agli appassionati di hardware.

L’obiettivo di valve è quello di offrire ai propri utenti dei dispositivi piccoli ma potenti da gustarsi nel proprio salotto.
Le Steam Machine saranno dei piccoli e potenti PC accessoriati di tutto punto e diventeranno presto il punto di riferimento del gaming, anche domestico. Le Steam Machine permetteranno infatti agli utenti di godere appieno dell’esperienza del gaming su PC direttamente dal proprio salotto“- Valve.

Gabe Newell, CEO di Valve, non ha mostrato alcuna preoccupazione nei confronti della competizione (Home Console come Xbox One e PS4), anzi, commenta ironicamente che per Microsoft ci vorrà del tempo per recuperare i loro 65 Milioni di utenti.

Tuttavia l’argomento, in conclusione, non può non essere sollevato perché le Steam Machine non sono delle vere e proprie console, hanno molte differenze rispetto a queste e ciò probabilmente non da loro un vantaggio in alcuni casi.

Partendo dalle basi, le nuove console, pur avendo un’architettura Simil-PC, restano comunque profondamente diverse e studiate appositamente per il loro scopo.
Le Steam Machine rimangono invece dei PC in tutto e per tutto. Il loro Hardware non ha nessuna differenza rispetto a quello che si trova in un PC di fascia alta. In termini di “Hardware upgrade” questo ha sicuramente i suoi vantaggi, visto che un possessore di una Steam Machine, all’occorrenza, può decidere di sostituire o aggiornare i propri componenti; ma per chi è interessato a comprare una Steam Machine della stessa fascia di prezzo di una console potrebbe trovarsi di fronte ad un grosso interrogativo: Quale delle due può garantirmi un’esperienza di intrattenimento migliore?

Una domanda davvero ardua a cui trovare risposta.
Con una console ci si garantisce un pieno supporto ai futuri titoli per almeno 10 anni, ai quali si aggiungono vari servizi, applicazioni dedicate e chi più ne ha più ne metta.

Con una Steam Machine, dal costo di una console, e con una GPU NVIDIA GTX 760, che ha praticamente lo stesso potenziale si potrebbe senza dubbio stare dietro alle console, anzi, in alcuni casi addirittura superarle.
Ma i videogiochi, si sa, vengono spesso sviluppati principalmente facendo riferimento alle console e poi convertiti su PC, dunque, sulle lunghe, è molto probabile che la qualità del gioco su questa Steam Machine sia significativamente inferiore rispetto ad una console.

Come se tutto non bastasse poi c’è il Linux, che probabilmente, veloce e leggero, si rivelerà anche migliore di Windows per reggere i giochi, ma gli sviluppatori, soprattutto quelli sotto grandi publisher come EA, Activision, 2K Games, Capcom ecc… saranno disposti a dedicare il loro tempo e sviluppare su tale piattaforma? Ed in caso contrario, riuscirà Valve a trovare una valida alternativa per supportare i titoli DirectX?

Dunque, come considerare le Steam Machine?

Senza ulteriori discussioni le Steam Machine sono dei PC di dimensioni ridotte. Come accennato nell’introduzione di questo articolo, sono delle validissime alternative alle Home Console. Certamente, farsi assemblare un PC con i componenti desiderati rimane in ogni caso l’alternativa più conveniente in termini di Qualità/Prezzo/Prestazioni ma richiede spazio e talvolta non è molto indicato, soprattutto se il PC viene concepito come strumento di intrattenimento da inserire nel proprio salotto.

Proprio in questo caso entrano in gioco le Steam Machine, con le loro piccole dimensioni e con la possibilità di personalizzare il proprio dispositivo a seconda delle proprie esigenze, probabilmente saranno la scelta più indicata per chi vuole fare del proprio salotto un centro di intrattenimento ad alta definizione!

In Conclusione

Piccole, potenti ed intriganti, le Steam Machine sono uno dei progetti più ambiziosi che Valve abbia mai realizzato. Negli ultimi anni ha davvero fatto passi da gigante e su questo non ci piove.

La società di Gabe punta ad un futuro fatto di gaming su grande schermo centrato su tre innovativi punti chiave: SteamOS, Steam Controller e Steam Machine.

Ma come effettivamente si riveleranno e quanto successo faranno, nonostante l’assenza di preoccupazioni da parte della società, è tutto da vedere.

Riuscirà SteamOS, e quindi Linux, a sovrapporsi a Windows per il Gaming? I giocatori preferiranno una Steam Machine ad una Console? Lo Steam Controller riuscirà a ricevere il successo tanto sperato?

Non ci resta che attendere e scoprire cosa ci sta riservando il futuro.

News
  • Dragon Ball FighterZ: annunciata la data d’uscita in Giappone
  • Esce oggi Elex, il nuovo GDR dei creatori di Gothic e Risen!
  • Un fantastico live action ci ricorda l’uscita di Call of Duty WW2!
  • Alle 16 di oggi giocheremo in diretta The Evil Within 2!
  • Life is Strange Before the Storm episodio 2 ha una data d’uscita!
Seguici su Facebook