Speciale

Ralph Spaccatutto: Novità, tra cinema e videogioco

 

Il mondo dei videogiochi, si sa, è capace di sfornare storie di rara bellezza per coinvolgimento, realizzazione e caratterizzazione dei personaggi e atmosfere che gli sviluppatori riescono a trasporre sullo schermo. Il confine che separa il nostro media preferito dal cinema, quindi, va piano piano assottigliandosi sempre di più grazie a budget per la realizzazione sempre più alti ed anche alle performance di veri attori che decidono di cimentarsi con qualcosa per loro completamente nuovo. Se da un lato questo connubio tra cinema e videogame presenta degli innegabili pro va detto anche che il più delle volte assistiamo a trasposizioni su pellicola di alcuni dei brand più belli mai partoriti dalle menti delle migliori software house, fatte veramente male col chiaro intento di accaparrarsi un facile guadagno facendo leva su nomi altisonanti come sono stati i film legati a Resident Evil, Alone in the Dark, Tekken o Tomb Raider, tanto per citarne alcuni. La situazione tuttavia non è così disperata e, alcune volte, si assiste a veri e propri atti d’amore verso il mondo videoludico che non possono non appassionare i videogiocatori di tutte le età. Uno su tutti è l’ultimo film della Disney Animation Studio, Wreck-it Ralph tradotto in Italia come Ralph Spaccatutto. Analizziamo insieme questo piccolo grande gioiellino prodotto dalla casa californiana.

 

 

Wreck-it Ralph quando il cinema sposa i videogiochi

 

Fin dalle prime battute del film salta subito all’occhio la volontà degli sceneggiatori di coinvolgere il più possibile gli appassionati di videogiochi. Sia chiaro fin da subito: Wreck-it Ralph è un film che potrà essere apprezzato da tutti, adulti e bambini di qualsiasi età ma sarà davvero amato solo da tutti coloro che saranno capaci di coglierne tutte le citazioni gustandosi ogni chicca e ogni momento di questa brillante opera.

 

 

Il concept del film è semplice quanto originale. Ognuno di noi, da ragazzino, si sarà chiesto cosa succede ai personaggi dei nostri giochi preferiti quando arriva la notte, quando la sala giochi chiude. Wreck-it Ralph tenta di dare una “spiegazione” a questa domanda introducendoci in un mondo abitato solo dagli eroi virtuali che lavorano tutti i giorni all’interno del proprio software recitando un “copione” scelto per loro dagli sviluppatori. Il Ralph del titolo è il cattivo di un videogioco che richiama alla mente il primo Donkey Kong. Egli infatti avrà il compito di demolire un palazzo che il giocatore, nei panni del suo rivale Felix, dovrà invece riparare, in una ciclicità di eventi che ben presto verrà a noia al nostro Ralph che per una volta deciderà di non voler essere più il “cattivo”. Volendo evitare ogni genere di spoiler per non rovinare la visione di questa piccola perla del panorama cinematografico ci limiteremo a fare qualche generico richiamo alla trama per chiarire il più possibile quanto questo film sia un vero e proprio tributo, un omaggio a tutti coloro che hanno fatto di questi fantastici mondi virtuali una passione. Il pretesto che innesca tutti gli eventi che si susseguiranno a schermo è altrettanto semplice: Ralph non è stato invitato alla festa per l’anniversario del suo gioco e, pertanto, decide di voler dare prova a tutti di poter essere anche lui un “buono”. Esce, quindi, dal suo gioco e si dirige verso Hero’s Duty ( Rivisitazione in chiave parodistica di alcuni importanti titoli quali Call of Duty, Halo e Gears of War ) in cui spera di ottenere una medaglia che darà prova del suo coraggio e del suo valore. Dopo una serie di vicissitudini si troverà, invece, in Sugar Rush, titolo che ricorda molto da vicino la serie Mario Kart e simili in cui dovrà aiutare la piccola Vanellope accusata ingiustamente di essere un glitch del gioco. Il film proporrà temi molto importanti nello stile tipico di Disney, capace di catturare l’attenzione del pubblico di ogni fascia d’età, permettendo anche ai “non-più-tanto-giovani” di emozionarsi come facevano da ragazzini. Anche stilisticamente Wreck-it Ralph raggiunge vette piuttosto elevate grazie ad una buona caratterizzazione di ogni personaggio, ad alcuni colpi di scena particolarmente azzeccati e ad una realizzazione degli scenari che sono la Disney poteva garantire.

 

 

Ralph-Spaccatutto 521x294

 

 

Citazioni, Personaggi, Easter Eggs e chi più ne ha più ne metta. [ATTENZIONE: Leggero rischio Spoiler ]

 

Partiamo subito col dire che, grazie a vari accordi con le software house, sono presenti, all’interno del film, anche molti dei più riconoscibili personaggi dei principali giochi degli anni 90. Esemplare, in tal senso, è una scena in cui Ralph si ritrova ad una riunione con gli antagonisti di tutti i cabinati presenti nella sala giochi in cui tenterà di spiegare le ragioni che lo spingono a non voler essere più il “cattivo” davanti ad un gruppo composto da Bowser direttamente da Super Mario Bros., Zangief il muscolosissimo lottatore di Street Fighter, il Dr. Eggman l’acerrimo nemico di Sonic the Hedgehog e molti molti altri, elemento, questo, che farà la gioia di tutti coloro che li sapranno riconoscere. Andando avanti nella narrazione verremo a conoscenza di una piazza che sarà collegata con tutti i coin-op presenti nella sala giochi in cui i vari eroi e antagonisti passeranno il loro (poco) tempo libero. Essa stessa risulta stracolma di citazioni provenienti dal nostro media: il nostro Ralph, ad esempio, si fermerà a parlare con Q*Bert, famoso esserino protagonista di un altrettanto famoso software classe 1982, asserendo di non capire bene quello che dice (Q*Bert, lo ricordiamo, parlava attraverso una nuvoletta piena di simboli e punteggiatura senza alcun significato logico. Una chicca per fan del Retro. ). Come non citare, inoltre, un graffito visibile per alcuni istanti durante il viaggio che porta il nostro protagonista dal suo “lavoro” alla congiunzione tra i vari mondi, che recita “Aerith lives” chiaro ed ironico riferimento agli avvenimenti di Final Fantasy VII. Geniale anche l’introduzione del bar di Tapper in cui il nostro Ralph cercherà qualcosa per lui importante. Rovistando tra gli oggetti smarriti, infatti, egli troverà un fungo si Super Mario e il punto esclamativo di Metal Gear Solid con tanto di suono ad esso collegato, il tutto mentre Ryu e Ken, rivali in Street Fighter dialogano amabilmente davanti ad una birra.

 

ralph-spaccatutto-personaggi

CONCLUDENDO

 

Wreck-it Ralph, dunque, è un film che può essere apprezzato da chiunque ma con maggior intensità dai videogiocatori di tutte le età perché propone una storia accattivante condendola di elementi e citazioni che faranno la loro gioia. Se a questo aggiungiamo lo stile grafico tipico della casa californiana, una colonna sonora riuscita ed alcuni personaggi veramente memorabili ci risulterà chiaro come sia un film davvero da non perdere oltre che un omaggio al media che noi, negli anni, abbiamo imparato ad amare e che tante emozioni ci ha saputo regalare.

News
  • Assassin’s Creed: dove sarà ambientato il prossimo capitolo? Ecco i primi rumors!
  • Tutte le informazioni da sapere sull’Italian Video Game Awards!
  • COD WW2: i responsabili del gioco lasciano Sledgehammer Games!
  • Metal Gear Survive: Konami ha pubblicato il trailer di lancio
  • I ragazzi di Deck13 sono tornati a parlare di The Surge 2
Seguici su Facebook