Speciale

Il futuro del gaming tra microtransazioni, free to play e multiplayer!

Negli ultimi anni il mondo dei videogiochi è profondamente cambiato di pari passo con l'evoluzione tecnologica e il repentino cambiamento delle abitudini dei videogiocatori. Vediamo insieme le cause e le conseguenze di questi cambiamenti.

Al giorno d’oggi, i videogiochi possono essere acquistati mediante diversi metodi di pagamento; ma quali sono i più diffusi in Italia e all’estero? L’acquisto di copie digitali e di servizi, come ad esempio abbonamenti e microtransazioni, è sempre più frequente: le modalità di abbonamento si stanno adeguando – progressivamente – alle esigenze degli utenti. Lo stesso discorso vale per il tipo di esperienze che stanno prendendo piede negli ultimi anni. L’ascesa dei Battle Royale ne è una vera e propria dimostrazione con Fortnite a fare da carrello trainante di questa incredibile tendenza. In questo caso specifico, parliamo di un videogioco completo accessibile gratuitamente, basato su un modello di business alternativo ed efficace; quello della vendita di un battle pass stagionale, in grado di arricchire l’esperienza di gioco degli utenti, senza fornire loro un vantaggio competitivo – onde evitare lo sgradevole fenomeno del pay to win – ma concedendo la possibilità di sbloccare incredibili e fantasiosi oggetti cosmetici per tutta la durata della stagione.

I metodi di pagamento più diffusi in Italia e all’estero

Il mondo del gaming si sta evolvendo davvero velocemente e con esso anche la possibilità di pagare videogiochi e relative espansioni con determinati strumenti sempre più all’avanguardia. Si stima che entro il 2020 in Italia ci saranno 35 milioni di giocatori ad alimentare il mercato per un miliardo di euro, e in particolare a crescere sarà il settore mobile con 15 milioni di utenti e 445 milioni di euro di movimenti. I metodi di pagamento per assicurarsi giochi e abbonamenti online sono davvero numerosi: secondo il report dell’azienda leader nelle soluzioni di pagamento Aci Worldwide attualmente il più diffuso su tutti i tipi di device è PayPal, sia in Europa che negli Stati Uniti. Gli USA sono orientati anche verso le criptovalute, con circa il 20% di utenti intenzionati a pagare con esse. In Italia tale metodo è ancora lontano: uno dei fattori fondamentali che influenza la scelta del pagamento è la fiducia, e i gamer italiani continuano a ritenere più affidabili metodi “classici” come PayPal e carta di credito. Il giro di affari scatenato dalle microtransazioni e dagli acquisti in-app da mobile in tutto il mondo è altissimo: nel 2017 hanno raggiunto incassi per 22 milioni di dollari, contro gli 11 milioni registrati nel 2012, andando a confermare ancora una volta l’utilità di questo genere di attività, sicuramente da affiancare alle vendite tradizionali per computer e console che hanno invece raggiunto “solamente” 8 milioni di dollari nel 2017.

Il modello di business lanciato da Fortnite.

Fortnite, l’incredibile Battle Royale free to play firmato Epic Games!

L’universo degli MMO e delle produzioni freemium

Tra i giochi online più diffusi ci sono i MMO (Massively multiplayer online): ospitano migliaia di utenti contemporaneamente, in grado di interagire e competere tra loro, provenienti da tutto il mondo. Si tratta di generi di videogiochi che si basano su due differenti tipi di business: abbonamenti mensili, come nel caso di World of Warcraft, o versioni cosiddette “freemium”, che consentono di giocare con alcune restrizioni per testare i giochi e poi decidere se passare alla versione a pagamento. Il portale Betway Casino offre la possibilità di effettuare depositi direttamente nel proprio account tramite i metodi di pagamento più diffusi come carta di credito, carta di debito, Postepay e PayPal, ma anche servizi più recenti come Skrill, EntroPay, Neteller e PaySafe Card. Secondo la testata dedicata all’innovazione digitale Pagamenti Digitali tra i metodi emergenti sarà proprio quest’ultimo, PaySafe Card, a crescere di più nei prossimi anni, vista la semplicità di utilizzo e la facilità nel procurarsi buoni prepagati anche tramite scontrini nei maggiori punti vendita GDO. Dobbiamo quindi aspettarci delle novità sostanziose sul versante videoludico, da sempre incline a questo tipo di cambiamenti.

L’evoluzione del mercato videoludico odierno: dalle copie retail a quelle digitali

L’acquisto di copie fisiche è ancora piuttosto diffuso, ma da alcuni anni a questa parte ha ormai preso piede l’acquisto online tramite piattaforme specializzate, che consentono di aggiungere i titoli acquistati direttamente al proprio account. L’infrastruttura capostipite è Steam, nota a tutti i gamer per la vasta gamma di videogiochi messa a disposizione nel proprio catalogo, spesso proposti in forte sconto durante gli eventi più ricorrenti dell’anno come le festività natalizie, le vacanze pasquali e quelle estive, e i servizi di abbonamento e pagamento che fornisce, tra cui la possibilità di pagare con carte di credito e PayPal.

I contenuti di world of Warcraft possono essere resi accessibile mediante il pagamento di un abbonamento mensile.

World of Warcraft può essere giocato sottoscrivendo un abbonamento!

Per chi compra giochi e videogiochi non va ancora escluso il metodo di acquisto “analogico” tradizionale, che prevede il saldo in contanti o tramite carte di credito o debito nella maggior parte dei casi, ma è impossibile ignorare anche i metodi alternativi di pagamento che si stanno diffondendo, come Apple Pay e Satispay, strettamente legati all’uso degli account presenti sul proprio smartphone. Sono infatti tra i metodi più diffusi anche per le microtransazioni nei giochi e nelle app free to play (o freemium) come Clash of Clans, disponibile su Google Play: il proprio portafoglio digitale può essere collegato a servizi come il colosso dei pagamenti online PayPal ma anche a modalità di pagamento come Apple Pay e Google Pay per garantire funzionalità di gioco aggiuntive.

Con il digitale che avanza i metodi di pagamento si stanno modernizzando e soprattutto ampliando sempre più rapidamente, per poter offrire ai giocatori un ampio spettro di possibilità in modo da venire incontro alle più particolari esigenze che dovessero manifestarsi. E voi? Qual è il metodo di pagamento che preferite utilizzare per acquistare e/o ampliare le vostre esperienze in-game?

News
  • Assassin’s Creed: dove sarà ambientato il prossimo capitolo? Ecco i primi rumors!
  • Tutte le informazioni da sapere sull’Italian Video Game Awards!
  • COD WW2: i responsabili del gioco lasciano Sledgehammer Games!
  • Metal Gear Survive: Konami ha pubblicato il trailer di lancio
  • I ragazzi di Deck13 sono tornati a parlare di The Surge 2
Seguici su Facebook