Recensione

Little Big Planet: Recensione e analisi

Dal 19 Settembre è finalmente disponibile nei negozi e scaricabile in digital download, il nuovo capitolo di Little Big Planet, esclusivo per Playstation Vita. Molti di voi avranno sicuramente giocato ad almeno uno degli episodi disponibili per Playstation 3 e ne avranno saggiato i controlli ben congeniali, ma soprattutto assaporato il divertimento praticamente infinito che sono in grado di garantire. Per chi non lo conoscesse, Little Big Planet è un platform adventure, pubblicato su licenza da Sony.
La domanda che sorge spontanea al sottoscritto è la seguente; cosa porta di nuovo Little Big Planet Ps Vita? Fin dove si saranno spinti i ragazzi di Tarsier Studios?

Sackboy alle prese con il cattivissimo Burattinaio

Tutto fino a quel momento era andato bene, più che bene. Gli abitanti di Carnevalia erano sereni e spensierati. A farli divertire ci pensava un burattinaio cordiale e grazioso con tutti. Ma improvvisamente dopo le critiche ricevute al termine di uno spettacolo, il burattinaio, si imbestialisce e fugge. Da questo momento in poi nulla sarà più come prima. Tornato a Carnevalia dopo giorni di assenza ingiustificata, insieme al suo esercito scatena il panico e genera terrore.

E’ proprio in questo frangente che entra in scena Sackboy! Il nostro simpaticissimo pupazzo di pezza che avrà la responsabilità di fronteggiare il burattinaio e tutta la sua schiera di scagnozzi chiamati oscuri, con l’intento di riportare la felicità, il divertimento e la spensieratezza che hanno da sempre caratterizzato il mondo di Carnevalia.
Il viaggio di Sackboy sarà pieno di difficoltà ed ostacoli. Uscirà vincitore dalla contesa?

Ps Vita, casa dolce casa

Prima di iniziare la nostra vera avventura, presenzieremo in un livello dedicato interamente al tutorial, che aiuterà i novizi e non, a memorizzare i comandi basilari. Con l’avanzare del gioco scopriremo tante altre chicche, come ad esempio spostare oggetti con il pratico touch, attivare delle piattaforme con il touchpad posteriore su cui poter saltare e tanto altro ancora. Le meravigliose peculiarità di Ps Vita hanno dato modo agli sviluppatori di realizzare un capitolo che offre un gameplay molto più vario rispetto a quello fruibile su home-console. Elementi in aggiunta come lo schermo touch screen e il trackpad posteriore, integrati in maniera ottimale ed originale seppur colpevoli di qualche dèfaillance di troppo, hanno reso l’esperienza di gioco unica.

Tornando a parlare dell’assetto dei comandi tradizionali, possiamo dire che per muovere sackboy, ovviamente, ci serviremo della levetta analogica sinistra, mentre il tasto R darà modo al giocatore di utilizzare varie interazioni, tra cui spostare oggetti, sparare, usare il rampino. Ovviamente, ce ne sono tante altre, che lasceremo a voi scoprire.

Per quanto concerne il comparto grafico del titolo non c’è moltissimo da dire. L’impatto visivo è davvero notevole e non si discosta minimamente da quello su Playstation 3 con Little Big Planet 2. Gli ambienti fantasiosi sono coloratissimi e pieni di dettagli. Gli effetti sono spettacolari e mostrano in maniera inequivocabile, che il sistema su cui abbiamo le mani può essere sfruttato in misura maggiore e che con questo possono essere realizzate delle ottime produzioni.
Tuttavia non è esente da alcune imperfezioni, difatti Sackboy potrebbe inspiegabilmente attraversare muri e sbucare all’altra estremità come se nulla fosse. Per fortuna questi errori si verificano raramente, tuttavia ci sembra giusto sottolinearli. Un’altra questione riguarda alcuni posti morti, da dove non sarà possibile divincolarsi. Fortunatamente il pod, il menù interattivo a cui potremo accedere durante l’avventura, ci permetterà di teletrasportarci al checkpoint precedente.
Concludendo…

I livelli del gioco presenti nei sei stage sono molteplici. In Little Big Planet Ps Vita è possibile inoltre creare nuovi livelli di gioco con l’editor. Tarsier Studios ha messo a disposizione dei suoi utenti un tutorial apposito per indirizzarli. La vastissima community è attiva, quindi potremo giocare in completa libertà i livelli creati dai membri della stessa. Tutto questo da soli oppure insieme ad un massimo di tre amici. Senza dubbio, codesta possibilità aumenta di gran lunga la longevità. E’ quanto di meglio, si potesse aspettare un utente di Ps Vita in questo periodo, dopo un’estate poverissima di uscite. Dunque, La campagna si attesta sulle 7 ore ed oltre ai classici livelli, ne potremo sbloccare altri aggiuntivi e come detto in precedenza giocare quelli realizzati dai membri della comunità. Piccola nota stonata è la stabilità della rete, che alle volte potrebbe mancare.

 

I pro

  • Gameplay divertentissimo
  • Grafica spettacolare
  • Presenza dell'online...

I Contro

  • ...ma presenta delle imprecisioni
  • Le partite online potrebbero essere instabili

Voto Globale 8

Personalmente, posso dire che Tarsier Studios con questo capitolo di Little Big Planet Ps Vita ha dimostrato di aver lavorato con molta cura e dedizione, difatti i frutti del lavoro svolto si vedono. Lo scopo del team era ed è quello di creare, anche qui su Ps Vita, una forte e solida community per la componente online. Le basi ci sono tutte! Ora sta agli utenti e agli stessi sviluppatori supportare al meglio il gioco. Lo consiglio vivamente a coloro che hanno avuto la possibilità di provare i predecessori usciti su home-console e a tutti gli altri che vogliono un videogioco, capace di regalare divertimento con semplicità e originalità.

News
  • Assassin’s Creed: dove sarà ambientato il prossimo capitolo? Ecco i primi rumors!
  • Tutte le informazioni da sapere sull’Italian Video Game Awards!
  • COD WW2: i responsabili del gioco lasciano Sledgehammer Games!
  • Metal Gear Survive: Konami ha pubblicato il trailer di lancio
  • I ragazzi di Deck13 sono tornati a parlare di The Surge 2
Seguici su Facebook