News

Il progetto italiano Daymare: 1998 sfrutta la tecnologia iClone Faceware Facial

Gli sviluppatori di Invader Studios ci parlano delle tecnologie utilizzate in sede di motion-capture facciale per il loro ultimo titolo.

I ragazzi di Invader Studios ci parlano della tecnologia iClone Faceware Facial utilizzata per Daymare: 1998.

Nel corso della giornata odierna, i ragazzi dell’italianissima Invader Studios hanno rilasciato un interessante video riguardante lo sviluppo del loro atteso progetto, Daymare: 1998, survival horror in terza persona che punta ad attingere a piene mani da quel Resident Evil che, in passato, rappresentò un nuovo punto di partenza per il genere.

Andando più nello specifico, il video, visualizzabile a fondo news, si concentra sull’utilizzo della tecnologia motion-capture iClone Faceware Facial e permette inoltre di dare un’occhiata più nel dettaglio alle meccaniche e peculiarità ludiche che caratterizzeranno l’opera. Il team ha infine voluto rilasciare una piccola dichiarazione, affermando:

“La tecnologia iClone Faceware ci sta dando fantastici vantaggi. Gli strumenti di questo software sono incredibilmente veloci, dall’elevata qualità e notevolmente convenienti. Una vera tecnologia da prodotto AAA potenzialmente perfetta per qualsiasi studio di sviluppo indipendente come il nostro”.

Augurandovi buona visione, ricordiamo a tutti i nostri lettori che Daymare: 1998 sarà disponibile su Playstation 4, Xbox One e PC nel corso del 2018. Inoltre, seguendo questo link potrete dare un’occhiata alla video intervista che avemmo modo di realizzare in compagnia di Michele Giannone, Co-Founder di Invader Studios, nel corso della Milan Games Week 2017.

News
  • COD WW2: i responsabili del gioco lasciano Sledgehammer Games!
  • Metal Gear Survive: Konami ha pubblicato il trailer di lancio
  • I ragazzi di Deck13 sono tornati a parlare di The Surge 2
  • EA ha annunciato a sorpresa Burnout Paradise Remastered per console!
  • Payday 2: ecco tutte le novità riguardanti la versione Nintendo Switch!
Seguici su Facebook