News

Phil Spencer chiarisce la situazione dei giochi Xbox One su PC

Una scelta che può solo andare a favore degli utenti

In questi ultimi tempi è diventata sempre più chiara l’intenzione di Microsoft di portare anche su PC Windows alcune delle esclusive attualmente presenti sulla console di nuova generazione Xbox One, tanto che il sistema operativo Windows 10 sarà presto integrato in quest’ultima piattaforma tramite un aggiornamento futuro. Questa strategia ha però deluso molti giocatori, che hanno visto perdere poco a poco sempre più esclusive della console che possedevano. Ma Phil Spencer, durante un’intervista con il sito Venture Beat, parlando di Halo 5: Guardians, ha anche colto l’occasione per far capire agli utenti come mai la compagnia abbia attuato questa mossa, che, in sintesi, non è dannosa come alcuni la vedono.

Sono molte le persone che ci chiedono come mai i giochi presenti sull’Xbox One dovrebbero uscire anche su PC. La spiegazione è semplice, più persone possono acquistare i nostri prodotti, maggiori saranno i profitti, questo ci permette di fare un’investimento maggiore sui prodotti futuri della compagnia, creando così più opportunità.“. Ha poi aggiunto “Basta dare un’occhiata alla nostra lineup per capire che è la migliore che abbiamo mai avuto nella nostra storia. Il tutto è reso possibile proprio grazie alla nostra posizione finanziaria molto forte, che ci permette di cogliere appieno il frutto dei nostri investimenti. Se per riuscire in questa impresa dobbiamo vendere i giochi dell’Xbox One anche su Windows, è inutile dire che gli utenti Xbox non potranno che beneficiarne.“.

Non ci resta che salutarvi per il momento, aggiornandovi in caso di novità su Xbox One e Microsoft.

News
  • Assassin’s Creed: dove sarà ambientato il prossimo capitolo? Ecco i primi rumors!
  • Tutte le informazioni da sapere sull’Italian Video Game Awards!
  • COD WW2: i responsabili del gioco lasciano Sledgehammer Games!
  • Metal Gear Survive: Konami ha pubblicato il trailer di lancio
  • I ragazzi di Deck13 sono tornati a parlare di The Surge 2
Seguici su Facebook