News

Nintendo stava già per entrare nel mondo mobile nel 2004

Quasi dieci anni fa un cellulare in grado di supportare i titoli del Gameboy Advance sta per diventare realtà

Ultimamente, grazie alla voce che vedrebbe la compagnia avvicinarsi al mondo degli smartphones, si parla molto di Nintendo. Ma a quanto pare non sarebbe la prima volta che la grande N si interessa a questo mercato. Perché un ex dipendente di Danger Research, famosa per aver creato il cellulare T-Mobile Sidekick, ha svelato che già nel 2004 stavano progettando un cellulare che potesse far funzionare i titoli del Gameboy Advance.

Il tutto è presente in un post su Medium e Chris Salvo ha spiegato che questo nuovo cellulare era conosciuto con il nome in codice G1. Oltre a supportare i giochi del Gameboy sarebbe stato presente anche il sistema operativo “hiptop”. Il suddetto dispositivo permetteva la pausa del gioco, cosa che avveniva automaticamente in caso di chiamata.

Inoltre il G1 aveva già una sorta di negozio di applicazioni come i moderni App Store e Google Play, quindi i titoli per Gameboy Advance si sarebbero potuti acquistare anche in formato digitale su questo dispositivo. La compagnia mostrò poi il progetto a Nintendo, che fu davvero entusiasta, peccato che alla fine non si concluse nulla.

Il motivo? Nonostante la grande N amasse questo G1, la licenza per tutti i giochi della compagnia presenti nel catalogo non includevano la distribuzione digitale. A quanto pare quindi Nintendo non è proprio una “novellina” nel campo del mondo mobile, ma forse questa volta deciderà di andare fino in fondo? Non possiamo esserne certi, per ora non possiamo che attendere informazioni ufficiali aggiornandovi in caso di novità.

News
  • Assassin’s Creed: dove sarà ambientato il prossimo capitolo? Ecco i primi rumors!
  • Tutte le informazioni da sapere sull’Italian Video Game Awards!
  • COD WW2: i responsabili del gioco lasciano Sledgehammer Games!
  • Metal Gear Survive: Konami ha pubblicato il trailer di lancio
  • I ragazzi di Deck13 sono tornati a parlare di The Surge 2
Seguici su Facebook