News

Nintendo in futuro potrebbe essere region-free

Satoru Iwata dichiara che quest'opzione potrebbe essere seriamente presa in considerazione in un prossimo futuro

Satoru Iwata, presidente di Nintendo ha oggi rilasciato un comunicato nel quale dichiara di stare valutando la possibilità di abbandonare il region-locking sui propri sistemi. Se così fosse finalmente i fan della casa nipponica avranno a disposizione molti titoli che prima d’ora erano esclusiva dei paesi orientali.

La storia dei videogames è nota per dilungarsi molto sulla localizzazione dei vari titoli dovendo avere a che fare con il marketing di diversi paesi, contenuti su licenza non validi a livello mondiale e altro ancora. Il region-locking è quindi una meccanica nata per favorire i venditori piuttosto che i clienti. Nella storia di Nintendo questa è l’attuale situazione. Per quanto riguarda quello che potrebbe essere fatto in futuro, se venisse sbloccato questo vincolo sarebbe un beneficio per i consumatori ma anche per noi.” Queste le dichiarazioni rilasciate da Iwata che ha poi concluso dicendo: Lo sblocco richiederebbe la risoluzione di numerosi problemi quindi al momento posso dire che non è una delle nostre attuali necessità tuttavia non nego che questa possa essere una opzione da considerare in futuro“.

Nel mercato contemporaneo Wii U Nintendo 3DS sono le uniche console che offrono giochi region-locked, a causa di questo potrebbero perdere terreno contro le console Xbox OnePS4 PS Vita le quali sono tutte region-free. L’anno scorso oltre 33.000 persone da tutto il mondo avevano firmato una petizione per rendere Wii U, 3DSWii region-free. Speriamo che Nintendo accolga presto questa richiesta.

News
  • Assassin’s Creed: dove sarà ambientato il prossimo capitolo? Ecco i primi rumors!
  • Tutte le informazioni da sapere sull’Italian Video Game Awards!
  • COD WW2: i responsabili del gioco lasciano Sledgehammer Games!
  • Metal Gear Survive: Konami ha pubblicato il trailer di lancio
  • I ragazzi di Deck13 sono tornati a parlare di The Surge 2
Seguici su Facebook