News

Microsoft organizza un sexy party per la GDC 2016 e scattano le polemiche

Phil Spencer si scusa con tutti per l'accaduto

In occasione della Game Developers Conference, conosciuta dai più come GDC, e per celebrare il St. Patrick’s Day, Microsoft ha voluto organizzare un caratteristico party che è stato capace di suscitare numerose polemiche. L’evento era infatti caratterizzato dalla presenza di ballerine in tenute scolaresche piuttosto succinte, intente ad esibirsi in danze quantomeno provocanti. La scelta, però, non ha dato i risultati sperati ed anzi, in molti hanno polemizzato aspramente sull’accaduto, con la sviluppatrice presso Tin Man Games, Kamina Vincent, in particolare che, colta dallo sdegno, ha deciso di dichiarare apertamente il suo punto di vista su Twitter puntualizzando, tra le altre cose, l’ironia di vedere un simile “spettacolo” a poche ore da un evento dedicato alle donne nel mondo videoludico organizzato proprio dalla stessa Microsoft. Viste le aspre critiche ricevute, lo stesso Phil Spencer ha voluto rilasciare un commento ufficiale leggibile qui di seguito:

“Agli eventi organizzati da Microsoft alla GDC in questa settimana che va a concludersi, abbiamo rappresentato Xbox e la stessa Microsoft in un modo che non si allinea a quelli che sono i nostri valori. È stato inequivocabilmente sbagliato, e non lo tollereremo. Sappiamo di aver deluso molte persone, e sono personalmente impegnato a fare in modo che la nostra società sia in grado di mantenersi su standard ben più alti. Dobbiamo assicurarci che la diversità e l’inclusione siano centrali nel nostro business di tutti i giorni e nei nostri valori chiave. Faremo di meglio in futuro.”

News
  • Assassin’s Creed: dove sarà ambientato il prossimo capitolo? Ecco i primi rumors!
  • Tutte le informazioni da sapere sull’Italian Video Game Awards!
  • COD WW2: i responsabili del gioco lasciano Sledgehammer Games!
  • Metal Gear Survive: Konami ha pubblicato il trailer di lancio
  • I ragazzi di Deck13 sono tornati a parlare di The Surge 2
Seguici su Facebook