Anteprima

Aliens Colonial Marines: La presentazione ufficiale al Vigamus

Reportage: Presentazione ufficiale di Aliens: Colonial Marines

Come ben saprete, ieri 12 Febbraio 2013 è stata la giornata di Aliens: Colonial Marines, fps sviluppato da Gearbox e pubblicato da SEGA. A tal proposito, siamo stati invitati alla presentazione ufficiale del gioco che si è tenuta al Vigamus, il primo ed unico museo di videogiochi in Italia situato a Roma. All’evento sono stati presenti Matthew J. Powers, il producer del gioco per SEGA America, e James Dyer che ha rappresentato SEGA Europa.

 

 

Prima di incominciare ed entrare nel vivo del gioco, hanno preso la parola due persone che hanno contribuito notevolmente affinché il Vigamus diventasse una realtà concreta. Il primo è Dino Gasperini, assessore alle politiche culturali di Roma, che ha spiegato come il videogioco – nel corso degli ultimi anni – sia riuscito a diventare un vero e proprio linguaggio artistico da considerare una forma di arte. Dopo di che ha elogiato il nuovo Aliens Colonial Marines, analizzando in particolare l’aspetto grafico e l’atmosfera inquietante e misteriosa del gioco, e di come – a suo parere – ricordi molto quella dei film. Dopo ha preso la parola Michele Lofoco, che ha affermato di come in precedenza il concetto di gioco fosse secondario al cinema e soprattutto sottovalutato per via della sua denominazione. Oggi, invece, il videogioco grazie alla sua espansione è riuscito a registrare numeri di vendita e di guadagno da record, riuscendo persino a superare di gran lunga quelli dei film cinematografici.

 

 

speciale-aliens

 

 

Dopo questa breve parentesi è stata la volta di Matthew J. Powers. Lo sviluppatore americano ha ringraziato tutti i presenti e ha incominciato a parlare del gioco. Innanzitutto, Matthew ha affermato che questo nuovo capitolo riprende le vicende narrate nella pellicola Aliens – Scontro finale, film uscito nel lontano 1986. Una volta detto questo, gli sviluppatori ci hanno mostrato il primo livello di gioco. Adesso vi chiederete… com’è questo Aliens Colonial Marines? Dunque, il gioco – localizzato completamente in italiano con la possibilità di abilitare i sottotitoli – presenta un linguaggio davvero scurrile. Le scene di intermezzo presentano delle buone inquadrature, ma ci si rende subito conto di come la grafica non sia stata spinta al massimo. Tutt’altra cosa accade nelle scene in-game che, invece, presentano un’ottima grafica poco al di sotto delle migliori produzioni. 

 

 

Tra i gadget di battaglia, potremo usufruire di un sensore di movimento per individuare gli alieni, questo è uno strumento che avevamo avuto modo di vedere nei film. Secondo quanto affermato da Matthew, il team ha cercato di inserire nel gioco tutte quelle caratteristiche che hanno contribuito a rendere celebre il film. Come ben sappiamo il gameplay costituisce la vera essenza di ogni videogioco. Per questo gli sviluppatori hanno inserito più necromorfi rispetto a quanto visto nel film. Sarà importante il fattore della tattica, in quanto alcuni nemici per essere uccisi richiedono una particolare strategia da attuare.

 

alien-colonial-marinesefc

 

Al proprio personaggio single-player, possono essere migliorate alcune caratteristiche mediante  l’uso di potenziamenti. Medesima cosa vale per le armi.

 

Questo è ciò che ci è stato mostrato della campagna single-player. Il livello impostato alla difficoltà “soldato” è durato all’incirca quindici minuti. Il producer del gioco ci ha però rassicurato, affermando che la longevità della campagna single-player supererà le dieci ore.

 

L’ultima cosa che abbiamo avuto modo di osservare è la modalità, cosiddetta “Necromorfo”. Quest’ultima darà la possibilità al giocatore di essere nei panni di una fra le tre classi di necromorfi. A questo punto, il gioco si trasformerà da first person shooter ad action in terza persona. Interessante è di come i Necromorfi possano arrampicarsi ovunque.

 

Il multiplayer presenta la possibilità di affrontare la campagna online in compagnia di un massimo di quattro amici contemporaneamente. Infine è stato fatto qualche cenno riguardo il multiplayer competitivo. Quest’ultimo potrà ospitare fino ad un massimo di dodici giocatori. Una squadra impersonerà i marines, mentre l’altra, ad esclusione, i Necremorfi.

 

Il Vigamus inoltre ci ha dato la possibilità di provare il gioco, grazie a delle postazioni Playstation 3 e Xbox 360. E’ stata davvero una bella presentazione! Speriamo vivamente che il gioco riesca ad ottenere un buon successo. Nelle prossime settimane, pubblicheremo la nostra recensione. Un motivo in più per rimanere sintonizzati sulle nostre pagine! 🙂

 

Vi ringraziamo vivamente per il sotegno! 😉

News
  • Assassin’s Creed: dove sarà ambientato il prossimo capitolo? Ecco i primi rumors!
  • Tutte le informazioni da sapere sull’Italian Video Game Awards!
  • COD WW2: i responsabili del gioco lasciano Sledgehammer Games!
  • Metal Gear Survive: Konami ha pubblicato il trailer di lancio
  • I ragazzi di Deck13 sono tornati a parlare di The Surge 2
Seguici su Facebook